Cosa farò

Condividi

LA ROMA CHE VOGLIO

Sicurezza

  • Interventi decisi e incisivi sulle baraccopoli presenti in città, che rappresentano luogo di degrado umano e urbano per la Capitale.
  • Inasprimento dei controlli, videosorveglianza, presidi fissi di forze dell’ordine (Polizia, Carabinieri, Polizia Municipale), censimento e ripristino della legalità nei campi rom, con richiesta di provvedimenti immediati verso chi commette reati e conseguente espulsione per chi delinque, in modo da far scontare la pena nel proprio paese d’origine.
  • Misure di contenimento tese all’eliminazione della prostituzione in strada, con l’impegno presso il Governo nazionale affinché venga istituito il reato di prostituzione.
  • Interventi sull’accattonaggio molesto, l’abusivismo commerciale, il racket dei parcheggiatori abusivi e dei mendicanti.
  • Più presidi delle forze dell’ordine sul territorio, con più commissariati di Polizia e caserme dei Carabinieri, specialmente nelle zone periferiche della città, con parallelo incremento dell’illuminazione stradale, soprattutto nelle aree suburbane e in corrispondenza delle zone di uscita e parcheggio delle fermate della metropolitana.
  • Impegno per l’istituzione della figura del “vigile di quartiere”, come deterrente verso la microcriminalità a tutela di cittadini ed esercenti.

Scuola

  • Impegno per il ripristino dell’insegnamento dell’educazione civica e dell’inno nazionale ai giovani, rivalutazione e riscoperta delle nostre tradizioni, usi e costumi, e della cultura popolare locale.
  • Destinazione di maggiori e più incisive risorse per la manutenzione e la messa in sicurezza delle scuole, con precisa mappatura delle criticità degli istituti.
  • Promozione e incentivazione degli asili nido aziendali.

Politiche sociali

  • Inserimento del criterio di preferenza nazionale per l’accesso alle case e ai servizi sociali, come gli asili nido. Prima i cittadini romani e poi i cittadini stranieri.
  • Censimento reale del patrimonio immobiliare inoccupato su Roma per assegnare gli alloggi ai cittadini in graduatoria; controllo rigoroso delle graduatorie per le assegnazioni delle case popolari e dei loro criteri.
  • Interventi di edilizia residenziale pubblica e housing sociale con particolare riferimento alle nuove fragilità, come quella dei padri separati e giovani coppie.
  • Promozione dello Sportello SOS Violenza Donne.

Vigili urbani

  • Riqualificazione del Corpo di Polizia Locale in osservanza alla delibera da me presentata e approvata su mia iniziativa in Comune.
  • Corsi di aggiornamento del Corpo di Polizia Locale sulla base delle nuove competenze richieste, con adeguamenti ai parametri presenti nelle altre Capitali europee.
  • Maggiori risorse da destinare all’equipaggiamento del Corpo, mezzi e divise.
  • Istituzione del fondo per il patrocinio e l’assistenza legale gratuiti per la tutela durante il servizio

Mobilità

  • Mantenimento dell’uso gratuito dei mezzi pubblici per anziani, donne incinte, e tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine o chi presta servizio di pubblica utilità.
  • Regolamentazione di manifestazioni e cortei su orari e spazi predefiniti al fine di conciliare il diritto a manifestare con il diritto alla mobilità dei cittadini.
  • Potenziamento e intensificazione linee trasporto su gomma e ferro (autobus e metro)
  • Più fondi per manutenzione stradale, ripristino e messa in sicurezza della rete viaria.
  • Limitazione dell’accesso e circolazione nell’area del centro storico ai pullman turistici, attraverso una razionalizzazione dei circuiti di transito e stallo.
  • Reinserimento, al pari della altre maggiori capitali europee, del bigliettaio sui mezzi pubblici di superficie, come deterrente alla pratica dell’utilizzo senza titolo di viaggio del Tpl e figura di ulteriore garanzia a sicurezza e tutela dei viaggiatori contro la piccola delinquenza.
  • Incremento della mobilità sostenibile con maggiori postazioni per il bikesharing, impegno per un “raccordino” della ciclabilità che possa agevolare l’impiego della bicicletta soprattutto nell’area urbana. Riqualificazione della pista ciclabile, incentivazione all’uso del carsharing in particolare a livello aziendale.

Commercio

  • Contrasto all’abusivismo commerciale e precisa regolamentazione della cartellonistica contro i manifesti abusivi che minano il decoro urbano.
  • Revisione delle attività di commercio ambulante sul territorio, particolarmente in corrispondenza delle aree di pregio della città. Riqualifica dei mercati rionali. Interventi fiscali di competenza comunali per agevolare la sussistenza delle attività commerciali e rilanciare l’occupazione.
  • Promozione e tutela del “made in Italy” e del “made in Rome” attraverso campagne di sensibilizzazione all’acquisto consapevole; difesa delle attività specialmente del centro storico, per inibire la proliferazione di attività commerciali non di pregio o degradanti del contesto storico, architettonico e archeologico della Capitale.

Turismo e cultura

  • Sconti per i cittadini romani al fine di promuovere la consapevolezza culturale della Capitale e adeguamento degli ingressi ai beni culturali della città ai parametri delle altre città europee.
  • Carta speciale per anziani, giovani e indigenti per incentivare l’accesso ai beni culturali della città.
  • Promozione e tutela del patrimonio architettonico e culturale capitolino, non solo nei circuiti di maggiore e più diffuso accesso turistico, ma attraverso la rivalutazione per gli stessi romani dell’immenso e disparato patrimonio romano, a partire da itinerari per la riscoperta delle ville storiche, dell’architettura industriale e della produzione di settore.

Fisco e usura

  • Contrasto ad Equitalia e alle sue misure vessatorie, con relativa approvazione del passaggio ad altre realtà meno impattanti sulla vita del contribuente.
  • Promozione dello “Sportello antiusura” a difesa delle vittime di questo fenomeno attraverso percorsi di sostegno psicologico e delle istituzioni.

Progetti concreti, per la Roma del futuro!