ATAC, ROSSIN (FI): APPROVATI MIEI ODG PER POTENZIAMENTO E MIGLIORAMENTO SERVIZIO

Durante la discussione sulla delibera relativa al nuovo contratto di servizio di Atac in Assemblea capitolina sono stati approvati diversi miei ordini del giorno evidentemente accolti anche dalla maggioranza che ne ha recepito l'importanza e la valenza. In particolare abbiamo chiesto che siano previsti nel nuovo contratto una serie di provvedimenti fondamentali per migliorare il Tpl di Roma. In primis, l'assunzione di personale per potenziare il servizio, unitamente alla richiesta di maggiore manutenzione e riparazione più puntuale dei mezzi spesso soggetti a cedimenti e rotture, al fine di offrire una flotta degna di una Capitale in vista del Giubileo ormai alle porte. Abbiamo chiesto poi una maggiore attenzione alle politiche degli abbonamenti mensili con particolari agevolazioni per le categorie più disagiate per censo come anziani, studenti, disabili o forze dell'ordine. Sosteniamo inoltre che il nuovo contratto di servizio non possa prescindere da un complessivo riordino del trasporto metropolitano su ferro al fine di evitare mancanze organizzative sia di pianificazione sia di manutenzione spesso addebitabili all'incuria. Sul fronte delle risorse invece riteniamo fondamentale non solo un'analisi progettuale in vista di una possibile entrata di privati per abbassare i costi di gestione, ma insistiamo per una maggiore collaborazione tra Regione e Governo con Roma Capitale per valorizzare il trasporto pubblico e utilizzare al meglio le risorse disponibili, rivedendo anche le politiche con il governo per i trasferimenti delle risorse stesse. Sosteniamo, al fine di una maggiore armonia aziendale, che si debbano dirimere i punti di attrito con le sigle sindacali che impediscono una serena interlocuzione e complicano rapporti ed efficienza del servizio. Infine, siamo contrari a una razionalizzazione intesa solo come taglio delle linee del Tpl, poiché riteniamo che debbano essere garantiti e aumentati i livelli di frequenza e copertura del servizio offrendo una mobilità efficiente e degna all'utenza.

COMUNE, ROSSIN (FI): "7 ROMANI SU 10 BOCCIANO MARINO, ALTRO CHE FASE 2"

Mentre si tiene la riunione a porte chiuse tra gli eletti del Pd con Marino e si parla di una fantomatica fase 2, oggi l'ennesimo sondaggio dice che il 73% dei romani non rivoterebbe l'attuale sindaco. Il Pd può fare tutte le riunioni possibili, i team building di inizio mandato, o trovarsi a mangiare pane e porchetta, la verità è che i cittadini bocciano Marino e la sua giunta sui maggiori temi di governo come sicurezza, campi rom, manutenzione delle strade e viabilità. Il sondaggio Demos per Repubblica lascia poco spazio all'immaginazione e alle interpretazioni: Marino è giudicato inadeguato non solo dal premier Renzi, segretario del suo partito, non solo dalle opposizioni, ma soprattutto dal popolo romano che non lo vuole più in Campidoglio. Si dimetta e faccia un favore alla nostra città.

ATAC, ROSSIN (FI): "MAGGIORANZA COSTRINGE IMPROTA A FIGURACCIA"

In Aula una maggioranza balneare prima chiede l'inversione dei lavori su richiesta dell'assessore Improta, poi si dice pronta ad andare a oltranza e infine non riesce a garantire il numero legale sulla delibera Atac. Evidentemente le dimissioni di Improta devono essere già state recepite a sinistra, se nel suo presunto ultimo atto da titolare della Mobilità la maggioranza decide di consegnargli questa figuraccia.

COMUNE, ROSSIN (FI): "SU COMMISSIONI E UFFICIO PRESIDENZA DIGNITÀ A OPPOSIZIONI"

Il coordinatore della maggioranza Fabrizio Panecaldo annuncia la rimodulazione delle commissioni consiliari. Speriamo che questa sia la volta buona, visto che di spot simili ne abbiamo sentiti parecchi da diversi mesi a questa parte. Ovviamente auspichiamo che venga restituita dignità al ruolo delle opposizioni nelle commissioni tradizionalmente loro assegnate, come ad esempio quella Trasparenza, e che ci sia un passaggio anche sull'Ufficio di presidenza al fine di riequilibrare una situazione a totale appannaggio della sinistra, riportando così la giusta rappresentanza di tutte le forze dell'Assemblea capitolina.

COMUNE, ROSSIN (FI): "SU UFFICIO PRESIDENZA E COMMISSIONI RICUCIRE FERITA"

È urgente ricucire la ferita della democrazia che registriamo in Assemblea capitolina, dove l'opposizione si ritrova ad avere le armi spuntate a causa dell'occupazione di tutte le caselle più importanti ad opera della maggioranza. Partendo dall'ufficio di presidenza, che deve ancora prendere provvedimenti sul far west di diverse settimane fa tra due consiglieri in conferenza dei capigruppo, e attualmente ancora tutto monocolore rosso. A questo si aggiungano le numerose commissioni che da mesi sono prive di un presidente e che quindi non vengono convocate, prima fra tutte la commissione Trasparenza. Sembra chiara la volontà della sinistra e del sindaco Marino di mettere il bavaglio al lavoro scomodo della minoranza. Una situazione intollerabile su cui sollecitiamo con forza a intervenire il capogruppo del Pd Panecaldo e la presidente dell'Assemblea capitolina Baglio, ristabilendo il giusto equilibrio tra i ruoli di maggioranza e opposizione ed evitando atteggiamenti dispotici insostenibili per Roma e i romani.

Follow Us