P. CHIGI, ROSSIN: NON OFFRIRE ALIBI A VIOLENZA

E’ doverosa la condanna unanime del gesto folle e ingiustificabile compiuto ieri davanti Palazzo Chigi. Attenzione ad offrire l’alibi delle difficoltà sociali ed economiche a chicchessia perché si rischia di avallare atteggiamenti pericolosi per l’incolumità di tutti. Una volta per tutte è ora di stemperare il clima di esasperazione che si sta registrando nel Paese e tornare a una dialettica politica responsabile. I problemi non si risolvono sparando né al prossimo né ai Carabinieri che in pochi giorni hanno subito gravi perdite e ferimenti nello svolgimento del loro lavoro a nostra tutela. All’Arma e alle famiglie colpite dai recenti drammatici fatti va la nostra piena solidarietà e il ringraziamento per il quotidiano impegno per la sicurezza nazionale. 

BUONTEMPO, ROSSIN (FDI) "SALUTIAMO GRANDE UOMO DI DESTRA"

Salutiamo oggi un grande uomo che ha combattuto ogni giorno della sua vita per i valori della destra, rappresentandone un punto di riferimento per intere generazioni. Di Teodoro Buontempo resteranno impresse nella memoria di tutti noi la sua spiccata vocazione popolare, le capacità oratorie d'altri tempi, la sua semplicità e tenacia che lo hanno reso icona della destra italiana. A lui va il nostro più sincero e commosso ringraziamento per i tanti insegnamenti di vita e di politica impartiti, e alla sua famiglia il nostro più sentito cordoglio e profonde condoglianze.

ROSSIN “INIZIO OGGI MIO IMPEGNO CON FRATELLI D’ITALIA”

E' con grande entusiasmo che inizio da oggi il mio impegno con Fratelli d'Italia-centrodestra nazionale. Una realtà giovane, attiva e con grande desiderio di crescere per rappresentare a Roma e nel resto d'Italia un modo diverso di concepire la politica, guardando al futuro e cercando di essere sintesi tra i valori tradizionali della nostra area e le sfide della società contemporanea. Ringrazio l'on. Fabio Rampelli che ha creduto in me e mi ha accolto in una squadra formidabile, che comprende nomi che non vanno certo presentati come l'on. Giorgia Meloni e Guido Crosetto, o i colleghi dell'Assemblea Capitolina, Andrea De Priamo e Federico Mollicone, oltre ai tantissimi militanti e sostenitori che ammiro per l'impegno e l'amore che mettono nel loro lavoro quotidiano a sostengo di un'idea che è anche la mia. A tutti loro, e ai tantissimi romani che sono sicuro vorranno sostenerci, prometto una presenza costante per diffondere i nostri valori e i nostri ideali. Quelli di una intera comunità che ha nel tricolore la sua identità, nell'Italia la sua passione, e Roma come Capitale.

LA DESTRA, ROSSIN: "TERMINATA MIA ESPERIENZA IN PARTITO"

Dario Rossin

Alla luce di discordanti visioni che rendono insanabile la distanza sulle scelte di condotta adottate di recente da La Destra, ritengo ormai terminata la mia esperienza nel partito. Ho ripetutamente posto l'attenzione su questioni sostanziali sia di carattere politico sia contenutistico e organizzativo per le quali non ho ritenuto soddisfacenti le risposte, scegliendo una conduzione nella quale non mi rispecchio. Tutto ciò ha contribuito ad aumentare la distanza con il resto del partito, per il quale credo di aver offerto in ogni caso un contributo di crescita sin dalla mia adesione in tempi non sospetti, quando scegliere La Destra significava andare incontro a difficoltà che non ho temuto di affrontare, facendo da apripista per altri che hanno seguito le mie stesse orme, e rivitalizzando un partito che allora era rappresentato in Campidoglio dal solo segretario nazionale. Ho creduto in un progetto che ha finito per ridimensionarsi malgrado ripetuti campanelli di allarme, rimasti inascoltati o purtroppo letti capziosamente. Ancora di più oggi, c'è necessità di un impegno maggiore e vigoroso per evitare che la Capitale torni in mano alla sinistra. Ancora di più, lavorerò per far sì che questo non accada, e la nostra città possa essere governata in maniera efficace e incisiva.

COMUNALI, ROSSIN: “APPOGGIO AD ALEMANNO SCONTATO”

Sindaco Alemanno e Dario Rossin

"Il quotidiano online che ormai in stile grillino è unico spunto per sapere la linea politica del partito, ci fa apprendere di eventuali o auspicate intese de La Destra con altre formazioni di area solo qualche mese fa prese in scarsa considerazione. A questo punto, se l'intenzione non è confondere le acque dei numeri, sarebbe bene sapere cosa sia cambiato e quale sarebbe la base di tale accordo, evidentemente non solo valoriale altrimenti si sarebbe già siglato in passato. Appoggiare il sindaco Alemanno nel suo secondo mandato è oggi più che mai scontato, altro che storie. Le forme democratiche di un'eventuale scelta, adottate invece dalla formazione politica alla quale si vorrebbe aprire, non sono state seguite. Né si è perseguita la soluzione interna. Anzi si continua sulla vecchia strada di scelte calate dall'alto senza il coinvolgimento della base, metodo in cui non mi riconosco così come non mi rappresenta una delegazione lontana anche da molti altri che condividono il mio stesso pensiero".

Follow Us