DOVEROSO TUTELARE IL VOTO DEI CITTADINI

La prima tornata di queste amministrative, per cui ringrazio tutti gli elettori che hanno concorso alla mia rielezione in Campidoglio, evidenzia tra le tante due questioni da non sottovalutare per chi fa politica. 
In primis, moltissimi elettori hanno deciso di disertare le urne, segnale che dopo il voto di protesta è arrivata l’ondata di indifferenza. Dobbiamo far capire che il non voto è un danno alla collettività e a se stessi. Queste due settimane dovranno essere rivolte proprio a questa verità, invitando i tutti i cittadini a convincere il vicino di casa, il parente, l’amico a votare. E a votare bene, cioè per il sindaco Alemanno.
Altro aspetto, più ad ampio raggio, è quello del sistema elettorale. Bene le preferenze, modello da esportare anche a livello nazionale, ma è inaccettabile che nel 2013 ci sia ancora un meccanismo farraginoso come quello attualmente in uso. Nell’era della tecnologia, carta e matita non sono solo dispendiose in termini economici, ma prestano il fianco a discrezionalità, lungaggini, errori e in qualche caso anche a dolo. Il voto elettronico andrebbe sperimentato e diffuso e, soprattutto, dovrebbero presiedere i seggi persone adeguate ad svolgere un compito delicato, e a questo ben addestrate magari attraverso lezioni in full immersion. I cittadini vanno alle urne con maggiore convinzione se hanno una legge elettorale che tutela la loro preferenza, e un sistema che garantisce il loro voto.

IL MIO PERSONALE SALUTO A LITTLE TONY

Oggi, Roma e l'Italia intera hanno salutato un grandissimo del rock che ho avuto l'onore di conoscere, Little Tony. Di lui conservo un affettuoso ricordo, che resterà sempre con me.

 

IN CAMPIDOGLIO, ONORE DIGNITA' E SPERANZA GRAZIE A VOI

A conclusione di una meravigliosa avventura che ancora una volta mi permetterà di poter ricambiare la fiducia delle innumerevoli persone che hanno scritto il mio nome sulla scheda azzurra di Roma Capitale, e delle migliaia che hanno votato Fratelli d’Italia, voglio ringraziare quanti insieme a me si sono spesi per un successo che è di gruppo e non individuale. 

Le tente riunioni, le centinaia di telefonate ed sms, i tweet , le condivisioni di Facebook, le decine e decine di incontri che hanno scandito i rapporti con la mia squadra e con le migliaia di amici e sostenitori che su Roma hanno contribuito a questo risultato sono l’esempio di come la politica, se fatta con devozione, impegno e lealtà, tenda ad aggregare e non a disunire.

Non c’è disaffezione verso la politica, lo vado dicendo da tempo, ma verso certo modo di fare politica: quello degli inciuci, del livore, dei personalismi. E’ questo il messaggio che arriva forte e chiaro, nella buona e nella cattiva sorte, ai partiti.

Per quanto riguarda Fratelli d’Italia, che ha raccolto un risultato eccezionale sia nella Capitale, sfiorando il 6% dei voti, e di assoluto rilievo in tutti gli altri comuni andati al voto in queste amministrative, la soddisfazione è enorme: in pochissimo tempo il movimento che mi ha accolto e per cui sono fiero di operare, si è imposto come credibile e affermata realtà del centrodestra nazionale. In prospettiva un movimento che non potrà che crescere grazie al lavoro di parlamentari, consiglieri regionali, comunali e municipali, di militanti e sostenitori che ci mettono passione e orgoglio, ogni giorno. 

Il mio impegno in Assemblea capitolina sarà rivolto a tutti coloro che mi hanno concesso la loro fiducia e hanno creduto in Fratelli d’Italia; a tutti coloro che non vogliono riconsegnare Roma alla sinistra e credono in una Roma migliore guidata dal centrodestra e dal sindaco Alemanno.

Ora manca un ultimo sforzo, si gioca la partita del ballottaggio e tutti dovremo impegnarci per non lasciare che la nostra città torni in mano a chi per anni l’ha devastata. Abbiamo due settimane, convinciamo chi non ha votato a recarsi alle urne e votare Gianni Alemanno.

Alla vittoria #senzapaura!

STRAGE DI CAPACI, 21 ANNI DOPO ONORIAMO LE VITTIME DELLA MAFIA

 

Sono passati 21 anni dall'attentato in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. A distanza di anni, ricordiamo il sacrificio e l'impegno di uomini e donne per la legalità nel nostro Paese. Che siano sempre ben impressi nei nostri cuori.

“La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l'eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”.

Giovanni Falcone

CAMION BAR, ROSSIN: SOLIDARIETÀ A INCHES E MELONI PER VILI INTIMIDAZIONI

Omniroma-CAMION BAR, ROSSIN (FDI): SOLIDARIETÀ A INCHES E MELONI PER VILI INTIMIDAZIONI

(OMNIROMA) Roma, 22 MAG - "Le vili e ignobili minacce pervenute a Massimo Inches e a Giorgia Meloni in seguito alle segnalazioni delle irregolarità di alcuni camion bar rappresentano un episodio gravissimo. E' necessario non abbassare mai la guardia su fenomeni di illegalità dietro cui spesso si celano intollerabili espressioni di prepotenza e sopraffazione. Nel testimoniare la mia vicinanza ai destinatari di queste intimidazioni, e ringraziando tutti coloro che sia a livello giudiziario sia mediatico permettono di combattere esempi di abusi sul territorio, resto convinto che non saranno certamente questi infami avvertimenti a impedire la quotidiana battaglia di Fratelli d' Italia sul territorio della Capitale per l' affermazione della legalità". È quanto dichiara in una nota Dario Rossin, consigliere di Fratelli d' Italia in Campidoglio.

Follow Us